Leggi la proposta

Con l’aumento dei flussi migratori degli ultimi anni, l’attenzione dell’opinione pubblica, della classe politica e dei territori si è focalizzata sugli sbarchi e sull’accoglienza, spesso a scapito di una visione più a lungo termine altrettanto necessaria, mettendo in secondo piano due ambiti fondamentali nella gestione delle migrazioni: la programmazione di canali di ingresso per lavoro e l’inserimento attivo nella società della popolazione straniera residente nel nostro Paese.

Con l’obiettivo di adottare un approccio pragmatico alla questione migratoria e trovare soluzioni ragionevoli e a lungo termine è nata la proposta di legge di iniziativa popolare dal titolo “Nuove norme per la promozione del regolare permesso di soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari”, depositata con oltre 90.000 firme alla Camera dei deputati il 27 ottobre 2017, frutto del lavoro e dell’esperienza di tante realtà, anche molto diverse tra loro, che operano in questo campo ogni giorno.

SEGUI L’ITER IN PARLAMENTO

Segui l’esame del nostro provvedimento in Commissione affari costituzionali della Camera dei deputati, audizione per audizione.

  • Migranti. La campagna di immunizzazione contro il Covid-19 ha raggiunto anche le persone prive di documenti. Ma restano difficoltà e ostacoli per chi è rimasto escluso dall’ultima sanatoria Articolo di Giansandro Merli del 29.09.2021 pubblicato su il Manifesto Il vaccino contro il Covid-19 alla fine è arrivato anche tra gli «invisibili», i migranti che vivono e lavorano in Italia ma sono incastrati nel limbo dell’irregolarità. Secondo i dati forniti a il manifesto dal ministero della Salute, al 24 settembre erano 45.326 i green pass scaricati da persone in possesso dell’Stp, cioè la tessera per «straniero temporaneamente

  • Articolo del 31 maggio 2021 pubblicato su Il Manifesto «Sono furioso. Sono nove mesi che non sappiamo niente. Ma si possono lasciare le famiglie appese così?». E’ lo sfogo di un datore di lavoro di Bologna che vorrebbe regolarizzare l’assistente familiare che lo aiuta nella sua abitazione. E’ uno degli oltre 200 mila datori di lavoro che, approfittando dell’opportunità offerta un anno fa dal governo con il decreto “rilancio” di sanare la posizione di alcune categorie di lavoratori stranieri, ha seguito le indicazioni e presentato la domanda. E da allora è

  • È l'allarme lanciato dal gruppo di associazioni promotrici della campagna “Ero Straniero” sulla base dei dati ricevuti dal ministero dell'Interno. Articolo di Rosanna Magnano del 4 marzo 2021 pubblicato su ilsole24ore La regolarizzazione 2020 dei cittadini stranieri è sempre più vicina al flop. Le pratiche sono frenate da ostacoli burocratici, le file rallentate dai limiti anti contagio e i permessi di soggiorno vengono concessi con il contagocce. Il risultato è che a sei mesi dalla chiusura della finestra per la sanatoria prevista dal decreto Rilancio, delle oltre 207.000 domande presentate dai datori

EVENTI PASSATI

X